Archivi tag: recensioni

Given To Rock: “Le interviste terribbbili”!!


La nuova rubrica di Given to rock, "Le interviste terribbbili"

Nel quartier generale di Given to rock abbiamo detto basta alle interviste tradizionali! E’ ora di smetterla con domande banali e prevedibili… é tempo di fare tutte le domande piú inopportune e sconclusionate che ci passano per la testa!

Presentiamo, quindi, la nuova rubrica: “Le interviste terribbbili”!

Il primo esperimento é andato piú che bene, perché la band in questione era quasi piú fuori di testa di noi. I Superhorrorfuck hanno risposto con ironia alle terribili domande che gli abbiamo proposto. Vi do un’anticipazione: ecco una delle domande che abbiamo formulato alla band (con la relativa risposta, ovviamente):

– Se poteste infliggere una tortura al vostro peggior nemico, legandolo ad una sedia e facendogli ascoltare un disco per 24 ore di fila a volume abominevole, quale disco gli fareste ascoltare?

– Naturalmente il nostro primo schifosissimo albumHorrorchy“!!! Se qualcuno non crede alla nostra “storiella” dei morti e risorti, provi ad ascoltarsi in successione i nostri tre album, e si renderà conto che nel 2005, appena tornati in vita, eravamo talmente freschi di trapasso che non avevamo il minimo controllo dei nostri corpi… E il risultato è quell’album suonato, ma soprattutto cantato, in una maniera che solo un cadavere ancora irrigidito può fare…

Ecco il link se volete leggere l’intervista integrale:

http://www.giventorock.com/2013/10/le-interviste-terribbbili.html.

Giventorock.com é questo e molto altro: recensioni dischi, live report, classifiche, playlist, curiositá, opinioni e, ultimo ma non meno importante, la rubrica de “il demolitore” che giudica in maniera brutale alcuni album che hanno fatto la storia della musica… senza alcuna pietá, ovviamente. Durante l’ultimo mese sono stati recensiti, tra gli altri, gli ultimi live dei Metallica e Megadeth, i nuovi dischi di Pearl Jam, Dream Theater, Alter Bridge e Motorhead, e alcuni dischi e di band emergenti. Il tutto condito da un pizzico di ironia e senza mai prenderci troppo sul serio.

Ready to rock?

www.giventorock.com

Non dimenticate di seguirci anche sui social media:

https://twitter.com/Giventorock

https://www.facebook.com/giventorock

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

B.T.H (Band To Hate) – “Spaghetti Hardcore”


A cura di Oliver Ax

Quando si ascolta un lavoro come Spaghetti Hardcore , e non si e’ familiari al genere, bisogna lasciar da parte i pregiudizi, così da non viziare il commento con una giustificata impulsività, dovuta a quella sensazione di ipersensibilità che ha l’epidermide quando si accappona. E’ necessario tenere conto, ai fini del imparzialità, dell’ habitat naturale in cui milita questa band. E’ un mondo fatto di caos, lercio e rumoroso in tutte le sue forme. Disarmonico e stonato, nel miglior stile punk, il canto sfocia rabbioso e confuso. Sembra marcire nella bocca del frontman per poi essere vomitata in faccia ad un pubblico che inevitabilmente si spintona eccitato, dimenandosi in un macello di carni intrecciate e aspro sudore. Ci s’immagina senza difficoltà un club tinteggiato di rosso, dall’aria soffocante, frequentato da clienti scalmanati e dalle rasature diseguali. Cani e lividi abbondano in questa atmosfera in cui i B.T.H. fanno prolificare la propria creatività come fosse una provetta contenente dei pericolosissimi batteri di un raro ceppo di Ebola. 

Ritmi supersonici scandiscono il tempo di questo Ep. Potenti e dolorose, le rullate sulle pelli, fanno vibrare le finestre come se fuori ci fosse la guerra, ma il conflitto a fuoco, esplode imperioso all’interno, grazie a canzoni come “What’s inside you” e “Borderline“. I loro brevissimi assoli di chitarra, sciamano con il suono di milioni di vespe che continuano, a traccia conclusa, a ronzare frenetiche nella testa. Il canto beffardo, sembra prendere in giro l’ascoltatore nel più assoluto menefreghismo, classico dello stile che vogliono imitare. “Tommy the Beatle” possiede un sound saltellante e una melodia che ricorda le vecchie canzoni Hardcore di stampo germanico. Anche il testo viene pronunciato istintivamente e con furibonda durezza. La discutibile introduzione di “Camping Warwfare” chiude con un ultima provocazione questo sanguinolento lavoro. Il brano e’ simile ad una raffica di proiettili sparati da un mitra a canne rotanti da un pazzo senza coscienza ne religione. La formula stilistica quindi non cambia, avvalorando l’etichetta di “scalmanati” che precede i Band To Hate, letteralmente un band da odiare. 

In conclusione si può affermare che ci vuole coraggio e stomaco di ferro per digerire questo complesso, ma nel loro mondo fatto di rumore e cherosene sono delle scintille che forse si trasformeranno in brutale incendio, che dilagherà affamato e feroce nel inquietante circuito sotterraneo dell’ Hardcore.

https://www.facebook.com/BTHband

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , ,

Esaltante prova per i Gianmariavolonté in “Polaroid”


Interessante davvero l’album  dei GianMariaVolonteè. Il nome della band ci fa subito capire l’amore per il cinema  e tutto il mondo che sta dietro a “Polaroid”.  Difficile catalogare questi brani, che nell’insieme esprimono palesemente un forte disagio sociale ; desiderio e paura di vivere come  in un film: climax  noir, appunto.  I testi, la chicca , sono crudi e provocatori, e toccano tematiche  come  suicidio e uso ed abuso  di droghe pesanti.  La musica , semplice ma ben costruita, è spesso molto efficace, e ha diverse influenze: si va dal pop un po’ brit di “Puppy love” (molto  bowiana  l’intro!), al punk-rock di “Stelle”, che a mio avviso è il brano più incisivo di tutto il disco. La vocalità è un po incerta, sebbene volutamente flebile, nel suo atteggiamento decadente, forse  tratti un po’ in direzione Kasabian, sempre espressiva ad ogni modo;  va detto che ci troviamo in un contesto e in un’ era in cui certe dote tecniche sono davvero in secondo piano di fronte ad una  presenza di idee  contenuti  e sonorità particolarmente vivi. Grandi aspettative quindi per il prossimo lavoro.

by RexCensor

Gianmariavolonté:

David Lotito: voce, chitarre, sinth, piano; 

Ruggero Piazzolla: basso; 

Antonio Polidoro: batteria; 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,
dagolou

This WordPress.com site is the bee's knees

Rock the Shop

stomping...pumping...grinding...thumping..

My Trephine

Locked Lips Also Sink Ships

La Giornalista Scalza

A great WordPress.com site

1 Song 1 Show

a singular show inspired by a solitary song

I(r)Radiati

Con una erre o due?

Daniele Salomone

Archivio online

INDIEgestione

una scorpacciata di indie

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Wunderbar - Siena

"L'uomo prima è meravigliato, poi si muove." (F. Hadjadj)

Newtopia

Free Music for Free People

« A MEGGHIU PAROLA E' CHIDDA CA ◙ SI RICI » || di Gabriele Ener.

Ciò che non siamo in grado di cambiare, dobbiamo provare a descriverlo.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

baseMultimedia

Digital Strategy & Web Marketing

Le Grandi Recensioni

recensioni semiserie di musica, cinema, letteratura eccetera

STRANGE JOURNAL

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: