Archivi categoria: Uncategorized

Given To Rock: “Le interviste terribbbili”!!


La nuova rubrica di Given to rock, "Le interviste terribbbili"

Nel quartier generale di Given to rock abbiamo detto basta alle interviste tradizionali! E’ ora di smetterla con domande banali e prevedibili… é tempo di fare tutte le domande piú inopportune e sconclusionate che ci passano per la testa!

Presentiamo, quindi, la nuova rubrica: “Le interviste terribbbili”!

Il primo esperimento é andato piú che bene, perché la band in questione era quasi piú fuori di testa di noi. I Superhorrorfuck hanno risposto con ironia alle terribili domande che gli abbiamo proposto. Vi do un’anticipazione: ecco una delle domande che abbiamo formulato alla band (con la relativa risposta, ovviamente):

– Se poteste infliggere una tortura al vostro peggior nemico, legandolo ad una sedia e facendogli ascoltare un disco per 24 ore di fila a volume abominevole, quale disco gli fareste ascoltare?

– Naturalmente il nostro primo schifosissimo albumHorrorchy“!!! Se qualcuno non crede alla nostra “storiella” dei morti e risorti, provi ad ascoltarsi in successione i nostri tre album, e si renderà conto che nel 2005, appena tornati in vita, eravamo talmente freschi di trapasso che non avevamo il minimo controllo dei nostri corpi… E il risultato è quell’album suonato, ma soprattutto cantato, in una maniera che solo un cadavere ancora irrigidito può fare…

Ecco il link se volete leggere l’intervista integrale:

http://www.giventorock.com/2013/10/le-interviste-terribbbili.html.

Giventorock.com é questo e molto altro: recensioni dischi, live report, classifiche, playlist, curiositá, opinioni e, ultimo ma non meno importante, la rubrica de “il demolitore” che giudica in maniera brutale alcuni album che hanno fatto la storia della musica… senza alcuna pietá, ovviamente. Durante l’ultimo mese sono stati recensiti, tra gli altri, gli ultimi live dei Metallica e Megadeth, i nuovi dischi di Pearl Jam, Dream Theater, Alter Bridge e Motorhead, e alcuni dischi e di band emergenti. Il tutto condito da un pizzico di ironia e senza mai prenderci troppo sul serio.

Ready to rock?

www.giventorock.com

Non dimenticate di seguirci anche sui social media:

https://twitter.com/Giventorock

https://www.facebook.com/giventorock

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Gianluca Torelli aka Alvaro Van Houten – ”Pio Wan Kenobi Approves this”


A cura di Eschi Mese

Strani personaggi si aggirano per l’Abruzzo, uno di questi è Gianluca Torelli, in arte ALVARO VAN HOUTEN, con una visione personalissima su tutto, a partire dalla foltissima produzione di materiale homemade e rigorosamente autoprodotto, come il suo “Pio Wan Kenobi Approves This”(2012). 11 tracce che si dividono fra cantato italiano ed inglese, un fare barrettiano, molto freak e aperto ad ogni tipo di connubio. Di base “Pio Wan Kenobi” è un’opera cantautoriale che stupisce per quantità di input, rimandi e ironia che attraversano i brani. 

Difficile trovare qualcosa di simile: la sensazione che il delirio sia dietro l’angolo comincia a concretizzarsi in brani come “Sandra e Raimondo sexual intercourse” e prosegue nella lunga e super hippie “Fuck a Goat”. La sognante “Turn her off” precede la canzone che rimescola le carte in tavola,“I am the reaper”: 5 minuti di meravigliosa sofferenza, sospiri, uccelli che cantano in giardino ed un giro di chitarra sghembo e malfermo che sostiene un cantato a metà tra auto confessioni e richieste d’aiuto. Brano capolavoro e ben architettato. Segue un brano in italiano, “Divanodorato”, che lascia il segno grazie al suo testo forte e diretto.

Bella la prova di Alvaro, qui potete ascoltare tutto il disco: http://gianlucatorelliakaalvarovanhouten.bandcamp.com/album/pio-wan-kenobi-approves-this

 “Pio Wan Kenobi” è un disco particolare e se state cercando sentieri nuovi, originali, Alvaro è sicuramente maestro in questo, ricercando quella libertà e ironia da cantautore attraverso una personalissima interpretazione della musica e della realtà in generale. Artista a tutto tondo, assolutamente da seguire!

https://www.facebook.com/pages/Gianluca-Torelli-aka-Alvaro-Van-Houten/90055211393

https://soundcloud.com/meanwhileintherealworld/sets/pio-wan-kenobi-approves-this

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , ,

Esaltante prova per i Gianmariavolonté in “Polaroid”


Interessante davvero l’album  dei GianMariaVolonteè. Il nome della band ci fa subito capire l’amore per il cinema  e tutto il mondo che sta dietro a “Polaroid”.  Difficile catalogare questi brani, che nell’insieme esprimono palesemente un forte disagio sociale ; desiderio e paura di vivere come  in un film: climax  noir, appunto.  I testi, la chicca , sono crudi e provocatori, e toccano tematiche  come  suicidio e uso ed abuso  di droghe pesanti.  La musica , semplice ma ben costruita, è spesso molto efficace, e ha diverse influenze: si va dal pop un po’ brit di “Puppy love” (molto  bowiana  l’intro!), al punk-rock di “Stelle”, che a mio avviso è il brano più incisivo di tutto il disco. La vocalità è un po incerta, sebbene volutamente flebile, nel suo atteggiamento decadente, forse  tratti un po’ in direzione Kasabian, sempre espressiva ad ogni modo;  va detto che ci troviamo in un contesto e in un’ era in cui certe dote tecniche sono davvero in secondo piano di fronte ad una  presenza di idee  contenuti  e sonorità particolarmente vivi. Grandi aspettative quindi per il prossimo lavoro.

by RexCensor

Gianmariavolonté:

David Lotito: voce, chitarre, sinth, piano; 

Ruggero Piazzolla: basso; 

Antonio Polidoro: batteria; 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

Da Pescara in arrivo il post grunge dei Too Late To Wake – Pescara Music Zone


I Too Late To Wake,band pescarese post-grunge,nascono nel Luglio 2010 dall’input di Gianni Vespasiani(chitarra solista),il quale coinvolge nel suo progetto Simone Del Libeccio e Riccardo Ruiu,rispettivamente chitarrista e batterista.L’affiatamento fra i tre permette all’idea iniziale di prendere una forma ben distinta,mettendo il gruppo nella condizione di seguire una direzione precisa;con l’ingresso nella band del cantante Paolo Gioacchini nel Gennaio 2011,il progetto si avvale della spinta necessaria per la svolta,e con l’arrivo,nel Marzo dello stesso anno,dell’ultimo pezzo mancante,il bassista Francesco Cetrullo,il puzzle viene completato e la band,dopo 4 mesi,esce con il primo ep autoprodotto,dal titolo “Guiding Light”. Verso la fine del Febbraio 2012,dopo aver partecipato a vari concorsi ed esibitosi in alcuni live,il gruppo,a seguito di divergenze,decide di separarsi dalla voce di Paolo Gioacchini.Due mesi dopo,Patrizio De Luca,già prima voce dei Too Late To Wake nel periodo Settembre/Novembre 2010,torna a far parte del progetto e ,grazie al suo apporto,le atmosfere cambiano e il suond prende nuova forma;il tutto si condensa nella seconda fatica della band,l’album “Slaves Without Chains”,registrato presso l’Ultrasonic Studio di Pescara e uscito nel Settembre di quest’anno.

Anche questo disco risulta autoprodotto ed è il risultato di sessioni live in presa diretta,con le sole sovraincisioni di chitarra solista e voce.Per loro stessa ammissione, è un album nato “per caso” ,il cui scopo era possedere materiale in breve tempo da poter proporre in giro per locali e concorsi.L’album scivola via fra ritornelli potenti,melodie accattivanti e godibili,in un sali-scendi di atmosfere prima cupe,poi ariose; la voce,con echi di Eddie Vedder e Chris Cornell, si incastra efficacemente con il tappeto sonoro creato dalla band, i suoni sono ben amalgamati e,pur non discostandosi dai canoni dettati dal genere in questione, il post-grunge, il prodotto finale  non può che essere considerato interessante.
(M.B.)
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , ,

Benvenuti!


Pescara Music Zone apre i battenti! Benvenuti a tutti!

dagolou

This WordPress.com site is the bee's knees

Rock the Shop

stomping...pumping...grinding...thumping..

My Trephine

Locked Lips Also Sink Ships

La Giornalista Scalza

A great WordPress.com site

1 Song 1 Show

a singular show inspired by a solitary song

I(r)Radiati

Con una erre o due?

Daniele Salomone

Archivio online

INDIEgestione

una scorpacciata di indie

Nudespoonseuphoria's Blog

100 cover versions and a kitchen sink drama

Wunderbar - Siena

"L'uomo prima è meravigliato, poi si muove." (F. Hadjadj)

Newtopia

Free Music for Free People

« A MEGGHIU PAROLA E' CHIDDA CA ◙ SI RICI » || di Gabriele Ener.

Ciò che non siamo in grado di cambiare, dobbiamo provare a descriverlo.

L'ultima Thule

Dove la musica è ancora una ragione di vita (un blog di Federico Guglielmi)

baseMultimedia

Digital Strategy & Web Marketing

Le Grandi Recensioni

recensioni semiserie di musica, cinema, letteratura eccetera

STRANGE JOURNAL

A great WordPress.com site

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: