Archivi categoria: death metal

Nightland – “In Solemn Rise”


Nightland Band

Nightland Band

La Terra dell’Eterna Notte”: così la traduzione letterale del titolo di un romanzo del britannico William Hope Hodgson sembra dare una buona fonte di ispirazione ad una recente metal band italiana. O forse no. Formatisi nel 2007, i Nightland, – Ludovico Cioffi (chitarra e voce), Filippo Scrima (chitarra), Andrea Sangervasi (basso), Francesco Ambrogiani (tastiere), Filippo Cicoria (batteria) – combinano due generi – il Power e il Death Metal – che da sempre hanno fatto da sfondo a up and down da parte di fervidi headbangers da sotto il palco. Prima con Knights of the Dark Empire (2011), poi con In Solemn Rise (2012), la band pesarese si fa riconoscere per le sinfonie epiche che ci riportano a gruppi come Children of Bodom, dai quali sembra che abbiano ereditato il modello della formazione e l’impostazione prettamente death, Rapshody (of Fire), per le sinfonie epiche, Domine e  Hammerfall, dei quali sembrano condividere testi e scenografia, con una leggera sfumatura blackster alla Emperor, o un più generale gruppo black metal sinfonico, grazie a queste loro armature in pelle.  La prima traccia dell’EP, In Solemn Rise, da cui prende il nome l’album, riesce ad essere d’impatto, quasi ricordando un intro dei Dragon Force, con un suono moderno di keyboard. Il doppio pedale continuo, come il power metal ci insegna, dà profondità alla melodia accompagnandola in ogni nota con un battito ben assestato. quando, sorpassato il minuto e 15, la canzone si apre in un ritornello azzardatamente “maideniano”. Un riff particolarmente caro alle orecchie di ogni fan, le cui parole riecheggiano ancora, dopo quasi 30 anni dalla sua uscita, nelle orecchie di tutti i true-metallers: “Run, Live To Fly, Fly To Live” ; in questo caso più rintracciabile nella stessa cover dei deathster finlandesi Arch Enemy, più che in quella dei Children Of Bodom (ascoltare per credere). Un ritornello che, indipendentemente dal déjà vu, apre ad una percepibile “Avanzata Solenne”, se così possiamo interpretarla, caricata di pathos nel secondo ritornello, in cui una variazione di tono percepibile rende dinamica la composizione. Segue una seconda traccia più sinfonica, quasi ricordando i norvegesi Dimmu Borgir, con le loro melodie funeree. Non a caso anche dal titolo, Soulprison of Pain, possiamo dedurre il risultato emotivo che i Nightland vogliono tirar fuori. Ma la sinfonia si tramuta quasi naturalmente in un ritornello epic metal alla Raphsody, genere di melodie che si ripeteranno spesso durante tutto il resto dell’album, come anche, ad esempio, in Diamond Siren, dove la struttura della canzone oscilla tra melodie epiche, per l’appunto, “raphsodiane” nel ritornello, riff viking alla Korpiklaani nelle strofe e un non so che di “bodomiano” negli stacchi strumentali, intro compreso.  Arriviamo finalmente alla title-track del vecchio EP, Knights of the Dark Empire, in cui possiamo notare tutte le influenze citate finora, con un inserto da break down metalcore sinfonico che rende il pezzo relativamente più moderno, rallentando il ritmo  con un uso regolare del china e battiti di pedale irregolari. L’EP si chiude con una melodia da “marcia trionfale” o “marcia solenne”, utilizzando un termine quanto più vicino al concept dell’album stesso. Potremmo tranquillamente ascoltare l’album durante una delle battaglie dalle ambientazioni tolkieniane. Un ottima colonna sonora per i più accaniti Master e giocatori di ruolo in generale. L’intera tracklist è ben strutturata, con pezzi non particolarmente corti, data la media dei quattro minuti e mezzo. La carenza di assoli complessi li allontana per poco dal power, ma questo non intacca l’impatto sonoro dell’ EP, che ha in fin dei conti un’ottima composizione e dinamicità. Epic fino alla fine.   By Co&Co

http://www.nightland.it/

 
Tutte le band di Pescara e dintorni interessate ad essere recensite e pubblicizzate sul nostro blog possono scrivere ed inviare il loro materiale(audio,video,foto,bio e links) all’indirizzo  antipop.project@gmail.com       ed essere così inserite su Pescara Music Zone!!
Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , , , , ,
Bibliostoria

Novità in biblioteca, eventi e risorse web interessanti per la storia

simonebocchetta

Qui all'ombra si sta bene (A. Camus, Opere, p. 1131)

unreliablehero

sempre eroi, mai perfetti

la libraia virtuale

Recensioni e consigli di lettura

...Cilento Channel

l'informazione del cilento sul web e in tv canale 636 del digitale terrestre

JustAnotherPoint

Cerca nascondigli, ritrova taccuini, ha la testa fra le nuvole e il naso nei libri.

Versi Liberi

libri e altre follie

writing bad

si scrive... si legge...

Mincio&Dintorni

ARTE - CULTURA - TRADIZIONE

V E R S O - spazio letterario indipendente

letteratura contemporanea e sperimentale, spazio dedicato alla ricerca e alle novità stilistiche

ragionandoci

cercando di comprendere, ragionandoci...

Voices of (extra) ordinary women

"Perchè le donne dovrebbero parlare delle donne"

arti, cinema, danza, libri, musica, teatro, video...

Trovafestival | La cultura in movimento

formavera

rivista di poesia e poetica

OutOut Magazine

Stilemi d'Avanguardie Culturali

Scrivo per noia

Non ho poi tutto questo tempo per pensare......o forse si.....

Liliana Marchesi

Ciò che ci rende unici è la libertà di essere noi stessi. Se ci tolgono questo... è come se ci condannassero a vivere nell'ombra della morte.

Leggere Distopico

Blog nato dal Gruppo Facebook dedicato al fantastico mondo della Distopia. Per scoprire e approfondire insieme i romanzi Distopici più belli che il panorama Letterario ha da offrire!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: